The Witch and the Beast ep.1 – Recensione

Ogni rosa ha le sue spine...

Disponibile dall’11 Gennaio in simulcast su Crunchyroll, The Witch and the Beast è l’anime tratto dal manga di Kousuke Satake e pubblicato in Italia da Panini Planet Manga. L’anime è prodotto da Yokohama Animation Laboratory e diretto da Takayuki Hamana. L’opening “Soumonka” è cantata dai Sokoninaru, mentre quella di chiusura è Hikari no Trill di Yoshino Nanjo.

Trama

In un mondo dove le streghe sono ritenute malvagie, esiste una città in cui una strega è venerata. Ashaf, un mago che porta con sé una misteriosa bara, e Guideau, una ragazza dall’aspetto ferino che nasconde un segreto, giungono in questa città per scoprire cosa si cela distreo questo mistero. Guideau e Ashaf partono alla ricerca della strega della maledizione in cerca di vendetta.

I segreti e il pericolo in The Witch and the Beast

Le streghe hanno solo due compagni costanti: i segreti e il pericolo. Pur essendo le streghe le protagoniste di questa frase che spesso riscontreremo, Guideau è la ragazza che ne ha di più finora; a superarla è solo la strega che l’ha maledetta e il mondo magico in cui ci troviamo. In questo primo episodio, gli anime only avranno pensato che la famosa strega di cui è alla ricerca Guideau era Attenzione Spoiler! In The Witch and the Beast, colei che ha dato fuoco alla città, sacrificando decine di ragazze per uno scopo puramente egoistico, violento e crudele. Se Ashaf è un mago di prima categoria estremamente calmo e misterioso che fa da opposto alla ruvidità e agli attacchi di rabbia di Guideau, quest’ultima è trascinata e alimentata dalla sete di vendetta che prova nei confronti delle streghe; eppure, come spiega anche Ashaf, non tutte le streghe causano scompiglio.

Da destra verso sinistra: Guideau e Ashaf appena giunti in città.

The Witch and the Beast: L’ora della Vendetta

Ci sono due lati della medaglia riguardo il mondo magico in cui ci troviamo: esistono le streghe che per la maggior parte causano problemi e caos ovunque vadano, anzi, li scatenano; e dall’altra, è anche vero che esistono streghe “normali”, che utilizzano la magia con scopi puri senza voler fare del male. Ma allora potrebbero definirsi maghi/maghe come Ashaf? E’ Fin troppo presto per dare una risposta a questa domanda che toglierebbe subito il gusto di scoprire tutte le verità nascoste che ci sono in The Witch and the Beast.

Per controllare ogni tipo di squilibrio magico e i vari pericoli che possono scaturire da chi ha intenzioni malvagie grazie ai propri poteri, esiste fin dall’antichità un gruppo che si è sempre stagliato al vertice della stregoneria: la Risonanza Magica. L’organizzazione a cui appartengono sia Guideau che Ashaf.

Nemico Naturale

Riguardo la vendetta che cerca furiosamente Guideau – il nemico naturale delle streghe – ci sono mille misteri e veniamo travolti dalla voglia di conoscere la verità sulla strega che lo maledì facendogli assumere un aspetto da ragazza, senza poter tornare nel suo corpo originale: una bestia dai tratti più che ferini li definiremmo mostruosi perché non assomiglia a nulla che si sia mai visto prima con precisione; certo, si sono già viste cose simili come anche il suo vero aspetto, ma considerando la storia, i poteri e i possibili risvolti futuri, oltre a un’insolita maschera simil-scheletrica che gli copre la parte bassa del volto non possiamo che rimanere affascinati da questo nuovo anime. La sete di vendetta di Guideau, il nemico naturale delle streghe più forte e potente persino di Ashaf (un mago di prima categoria) nella sua forma originale, è a dir poco affascinante e trainante, come l’odio che prova per le streghe senza nasconderlo, ed è molto divertente appassionante seguire la dinamica relazionale tra lei e Ashaf, che alcuni definirebbero una coppia pur non essendoci delle effettive prove.

Guideau nel primo episodio di The Witch and the Beast.

Ci sono tre modi per spezzare una maledizione:

C’è una differenza che abbiamo notato tra il manga e l’anime: ovvero l’introduzione. Infatti, nell’anime abbiamo subito un’informazione che nel manga verrà svelata solo più in là nel tempo, ed è qualcosa che ci aiuta più velocemente a capire in che mondo ci troviamo e la storia di Guideau che andremo a seguire: Le 17 originarie, note anche come Streghe dell’Origine, e la loro potente discendenza, ereditiera della loro portentosa forza magica, abilità magica e conoscenza. Queste ultime sono streghe della nostra epoca. A volte le streghe aiutano le persone e a volte le maledicono. Ma dunque come si può sciogliere la maledizione di una strega?

  1. Il bacio del Principe Azzurro.
  2. Il ripensamento per capriccio della strega rancorosa.

E poi… Esiste il terzo metodo che è capace di sciogliere la maledizione temporaneamente: baciare una strega. In questa introduzione ci vengono mostrate anche delle vetrate raffiguranti delle figure femminili, di cui una sembra essere molto simile alla stessa Guidau. Ci chiediamo se abbia a che fare qualcosa con il suo passato o se sia solo una vaga somiglianza che non ha nessuna importanza per il plot della serie.

Conclusioni

L’animazione è molto fluida e vivace, soprattutto i disegni praticamente identici ai tratti del manga ci hanno colpito moltissimo, donando vita ai tratti già perfetti di Kousuke Satake, e le musiche durante l’intero episodio accompagnano perfettamente tutte le atmosfere che ci vengono presentate e il corso della storia. Dai prossimi episodi l’anime di The Witch and the Beast si farà più intenso, potremo comprendere meglio i personaggi e la tela della trama, come lo stesso funzionamento della famosa Risonanza Magica. Sicuramente è uno dei migliori titoli Dark Fantasy del palinsesto Invernale!

Guideau e Ashaf in una key visual di The Witch and the Beast.

E voi avete già visto The Witch and the Beast? Cosa ne pensate? Fateci sapere tutto nei commenti e continuate a seguirci!

La sete di vendetta di Guideau è a dir poco affascinante e trainante, come l'odio che prova per le streghe senza nasconderlo, ci sono mille misteri e veniamo travolti dalla voglia di conoscere la verità sulla strega che lo maledì facendogli assumere un aspetto da ragazza, senza poter tornare nel suo corpo originale. L'animazione è molto fluida e vivace, soprattutto i disegni praticamente identici ai tratti del manga ci hanno colpito moltissimo, donando vita ai tratti già perfetti di Kousuke Satake, e le musiche durante l'intero episodio accompagnano perfettamente tutte le atmosfere che ci vengono presentate e il corso della storia. Dai prossimi episodi l'anime di The Witch and the Beast si farà più intenso, potremo comprendere meglio i personaggi e la trama, come lo stesso funzionamento della famosa Risonanza Magica. Sicuramente è uno dei migliori titoli Dark Fantasy del palinsesto Invernale!

CORRELATI

La sete di vendetta di Guideau è a dir poco affascinante e trainante, come l'odio che prova per le streghe senza nasconderlo, ci sono mille misteri e veniamo travolti dalla voglia di conoscere la verità sulla strega che lo maledì facendogli assumere un aspetto da ragazza, senza poter tornare nel suo corpo originale. L'animazione è molto fluida e vivace, soprattutto i disegni praticamente identici ai tratti del manga ci hanno colpito moltissimo, donando vita ai tratti già perfetti di Kousuke Satake, e le musiche durante l'intero episodio accompagnano perfettamente tutte le atmosfere che ci vengono presentate e il corso della storia. Dai prossimi episodi l'anime di The Witch and the Beast si farà più intenso, potremo comprendere meglio i personaggi e la trama, come lo stesso funzionamento della famosa Risonanza Magica. Sicuramente è uno dei migliori titoli Dark Fantasy del palinsesto Invernale!The Witch and the Beast ep.1 - Recensione