IN EVIDENZA

Barbie: il capo della Mattel Film difende il franchise

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

4,458FansMi piace
1,560FollowerSegui
193FollowerSegui

Il film della Mattel, Barbie, ha vissuto per anni in una sorta di limbo riguardo la sua realizzazione. Inizialmente era affidato alla Sony e ora è passato alla Warner Bros.,
ma solo dopo che sia Anne Hathaway che Amy Schumer sono state attaccate per poi lasciare il progetto. (Alla fine il ruolo è stato affidato a Margot Robbie).

Barbie è stata al centro di varie controversie negli ultimi anni, ma il capo della Mattel Film Robbie Brenner dice che non c’è alcun motivo per odiare Barbie o il suo film.

Alla domanda sull’ “inevitabile reazione negativa” che circonda il film di Barbie ancora senza titolo, ha detto:

Barbie compie 60 anni quest’anno. Ruth Handler ha creato Barbie perché voleva che sua figlia avesse qualcosa di straordinario con cui giocare e suo marito ha creato Hot Wheels per il loro figlio.
[Barbie] era in realtà molto più avanti dei suoi tempi se tornassi indietro e guardassi tutte le cose incredibili che aveva fatto in precedenza.”

Il capo della Mattel Film - Robbie Brenner difende Barbie
Advertising

Barbie era spesso una donna in carriera nei primi anni.
All’inizio degli anni ’60 era un’infermiera e nel 1965 divenne astronauta.
Spesso le sono state date anche delle edizioni che le hanno conferito un ruolo da dirigente d’impresa e negli anni settanta è persino diventata una sciatrice olimpionica. Nel corso del tempo, ha assunto diversi tipi di lavoro.

Ma molti non sono stati felici con Barbie nel corso degli anni.
In primo luogo, c’erano le accuse che le misure di Barbie non fossero realistiche, dunque non rispettasse la reale fisicità di una donna media.

La sceneggiatura originale del film Barbie avrebbe presumibilmente affrontato questo assunto ideale.
Quando Amy Schumer veniva attaccata, era destinata a interpretare un personaggio che viveva a Barbieland che non si adattava alle altre Barbie.
Alla fine, avrebbe dovuto visitare il mondo reale e capire come accettarsi.

Il fatto che questo film sia basato su un prodotto giocattolo, che spesso induce brontolii, e il fatto che alcune persone inizialmente non fossero entusiaste del ruolo affidato di Amy Schumer, ha portato all’odio per questo progetto fin dall’inizio.

Barbie giocattolo - Margot Robbie

Robbie Brenner non sembra però preoccupato di tutto ciò:

Ora lei incarna ciò che il mondo sembra oggi con tutti i diversi tipi di corpo ed etnie.
È una bambola molto inclusiva e autorizzante, ed è quello che vogliamo incontrare. Per le persone che vogliono odiare ad ogni costo…lo faranno comunque.
Il film sarà molto positivo.”

Margot Robbie ha già parlato di quanto sia “onorata” di interpretare Barbie e di come il giocattolo abbia “rafforzato” e accompagnato i bambini nel corso degli anni.

Voi cosa ne pensate?
Lasciate un commento qua sotto per dire la vostra!

Advertising

SEGUICI SUI NOSTRI SOCIAL

4,458FansMi piace
1,560FollowerSegui
193FollowerSegui

Scrivi qui il tuo commento...