spot_imgspot_img

Sea of Stars 1 – Recensione

PUBBLICITÀspot_imgspot_img

Panini Comics ci porta il primo volume di Sea of Stars, una nuova serie scritta da Jason Aaron, acclamato autore di Thor, Avengers, Scalped e tanto altro. Ma stavolta non è solo, perché ad affiancarlo troviamo anche Dennis “Hopeless” Hallum (Avengers Arena, Doctor Strange), mentre ai disegni c’è Stephen Green (Hellboy and the B.P.R.D.). Due scrittori hanno quindi bisogno di una storia con due protagonisti…e questo è proprio il caso di Sea of Stars.

Il camionista interstellare Gil si trova a viaggiare per lo spazio nella sua nave insieme al figlio Kadyn. All’improvviso vengono attaccati da un gigantesco leviatano che spacca lo scafo e separa padre e figlio. Quest’ultimo, riesce a salvarsi grazie all’emergere di strani poteri e incontra sulla sua strada nuovi compagni di viaggio. Al contrario, il padre sembra finire nelle fauci della creatura. Riusciranno i due a incontrarsi o sono destinati a rimanere separati per sempre?

Questo è solamente l’incipit di una grande avventura ricchissima di sorprese. Il primo volume, che raccoglie 5 capitoli, racconta in primis il tentativo dei due protagonisti di ritrovarsi dopo la tragedia iniziale. In realtà, nel frattempo ci sono tanti eventi che cambiano le carte in tavola e allargano il focus della storia. All’inizio sappiamo ben poco sui personaggi, sul loro passato e su cosa sia la creatura che li attacca nelle prime pagine. Non aspettatevi di avere già tutte le risposte dopo la lettura di questo volume, ma ci sono sicuramente tanti punti che iniziano a sbrogliarsi. È Kadyn, però, il personaggio più enigmatico e il più sorprendente. Da semplice ragazzino curioso com’è nelle prime pagine, sviluppa pian piano strani poteri e viene considerato una sorta di messia dal popolo degli Zzaztechi.

Ogni capitolo della storia è incentrato in maggior modo su uno dei due personaggi, ma, in realtà, fa avanzare entrambe le storie. Il fantasy e la fantascienza si amalgamano perfettamente in Sea of Stars. Una storia ambientata nello spazio, ma dove gioca un ruolo chiave anche la magia, in un cosmo popolato da creature misteriose. Lo stile di Stephen Green, molto pop e ricco di dettagli, è azzeccatissimo e lo rende un prodotto appetibile per un pubblico di ogni età. Anche i colori di Rico Renzi contribuiscono a dare vita a un cosmo super colorato e dominato da un viola che dà un’idea di sconfinatezza e immensità.

Come già detto in precedenza, la storia è ancora lontana dal raggiungere una conclusione. Ma questo primo volume fa salire l’acquolina in bocca e mi ha reso davvero curioso di scoprire come proseguirà la vicenda e cosa capiterà a Kadyn e Gil. Sea of Stars è una storia che riesce a essere al tempo stesso divertente e ricca di suspense. La drammaticità della ricerca disperata di un padre del proprio figlio si incontra con la maturazione e la crescita del bambino. Speriamo che il secondo volume non tardi ad arrivare!

Sea Of Stars 1 18app magazines

Continuate a seguirci, qui su NerdPool.it, per non perdervi le prossime novità legate al mondo del Fumetto.

IL NOSTRO VOTO

Panini Comics ci propone Sea of Stars, nuova serie Image di Aaron, Hallum e Green. Un'avventura fantascientifica, con alcuni elementi che richiamano il fantasy, e due protagonisti che nascondono tante sorprese. Una storia che ci mette di fronte all'ansia di separarsi dal proprio figlio e alla voglia di ritrovarsi a costo di affrontare mille disavventure.
Voto
8

NerdPool non finisce qui, anzi, questo è solo l’inizio. Entra a far parte della nostra Community Social, tramite i Gruppi Tematici!

ARGOMENTI CORRELATI

LASCIA IL TUO COMMENTO

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

spot_img
spot_img

CORRELATI

spot_img
Simone Giorgi
Sono Simone, 27 anni, e al momento mi divido tra Milano e Macerata. Laureato in Lingue e Letterature Straniere, ho frequentato il Master in Editoria della Fondazione Mondadori e lavoro come Junior Publisher per Pearson Italia. Ho sempre avuto una grande passione per la lettura, in particolar modo per i fumetti. Da Topolino ai manga, passando per i comics americani, il fumetto italiano e quello franco-belga, non rinuncio a esplorare ogni sottogenere di questo mondo così vasto e spesso troppo sottovalutato. Tuttavia, mi piace definirmi come un nerd a 360°, essendo appassionato anche di cinema e serie tv.

POTREBBERO INTERESSARTI: