La mia fuga alcolica di Kabi Nagata – Recensione

Un volume introspettivo che riesce ad affrontare un tema difficile in maniera drammatica ma anche ironica
9
spot_imgspot_img

Kabi Nagata torna a raccontare i suoi dolori fisici e mentali in La mia fuga alcolica Scappando dalla realtà, un nuovo volume di questa amata mangaka edito sempre da J-POP Manga. Qui l’autrice parla del suo problema con l’alcool e di una malattia che le cambierà la vita. Scoprirete con noi questo volume autobiografico potente e toccante.

Un’autrice sul baratro

Un forte dolore alla pancia costringe Kabi Nagata ad andare in ospedale. Li scoprirà di avere una pancreatite acuta da curare immediatamente con un ricovero. Questa malattia è stata provocata dall’eccessivo consumo di alcolici da parte della nostra mangaka. E qui come nelle sue altre opere biografiche si svela e rivela al lettore partendo dal suo problema con l’alcolismo già citato in Lettere a me stessa. Un modo per esorcizzare il suo senso di colpa a seguito della pubblicazione dei suoi manga, al dolore provocato alla sua famiglia e alla sensazione che bere le provoca, di rilassarsi e dimenticare finché non è sobria i suoi problemi.

La mia fuga alcolica

Ma l’eccessivo consumo di alcol la porta a quel momento, con una malattia che mette a rischio la sua vita. Ed è costretta ad un ricovero di una ventina di giorni, ad una terapia con flebo, medicinali e una dieta che dovrà seguire anche in futuro, una volta uscita dall’ospedale. Questioni difficili da affrontare perché non è facile pensare ad una rinuncia definitiva di alcool o di determinati cibi. E la paura di una ricaduta, del rischio della vita per un goccio in più… Riflessioni che paiono esagerate dall’altra comprensibili da chi ha una malattia ed è costretto ad una cura costante e a delle regole anche non rigide. E Kabi Nagata affronta tutto anche con una vena ironica e non solo tragica che cerca di stemperare

Kabi Nagata

Ma a partire da questi problemi di salute, La mia fuga alcolica affronta anche un altro tema che noi colleghiamo a Kabi Nagata e alle sue opere. Il fatto che metta a nudo nei manga la sua vita e i suoi problemi. Problemi comuni a noi tutti, che troviamo anche noi difficoltà ad ammettere, affrontare e condividere con altre persone. E lei lo fa pur con tutte le conseguenze. Intanto quelle legate ai suoi problemi psicologici che cerca di esorcizzare anche con il mezzo dei manga che crea. Dall’altra il giudizio e le sofferenze che ha provocato con la sua famiglia nel svelare questioni private e problematiche.

Ciò l’ha portata a rinunciare a opere di tipo biografico e personali a favore della fiction. Ma questo problema di alcolismo che deve affrontare mentre si cimenta in questo tipo di opere e trova difficile da farle. Sente come il bisogno di parlare della sua esperienza in ospedale e quello che le è successo dopo. Riflessioni su se stessa e il suo lavoro, quello di condividere esperienze con chi la legge e la bellezza di questo tipo di opere.

J-POP Manga

La mia fuga alcolica e la potenza del raccontarsi di Kabi Nagata

La mia fuga alcolica è bello per questa parte che pare inizialmente non collegarsi al tema dell’alcolismo ma lo diventa pian piano arrivando ad una conclusione non definitiva. Sul finale infatti vediamo l’autrice proporre i temi che saranno al centro della sua successiva opera, l’amore e la solitudine. (J-POP Manga ha già annunciato questa nuova opera prevista nei prossimi mesi.) Perché Kabi Nagata ha questa forza nel raccontare temi a noi vicini come la dipendenza da qualcosa che può essere diverso dall’alcol, rendendoci conto della sua pericolosità troppo tardi.

Poi il suo disegno semplice ma efficace nel raccontare la sua esperienza, anche con simpatia, creando un bellissimo contrasto tra il bianco e il nero e colori tenui e positivi. Prima avevamo il rosa, ma in questo volume c’è un arancione quasi fluo molto bello e che amplifica certe tavole con questo colore così particolare.

Kabi Nagata

Perché volenti o nolenti, pronti o meno perché conosciamo Kabi Nagata, le sue opere e il suo stile, rimaniamo sempre colpite da esse. Colpiscono qualcosa nel nostro intimo, ci ritroviamo nelle situazione che racconta e ne traiamo conforto. Non ci sentiamo soli perché troviamo qualcuno che parla di cose che abbiamo provato e forse ci tormentano allo stesso modo.

E un po’ come l’autrice tenta di esorcizzare le sue paure e timori nel disegnare manga, noi lettori ci ritroviamo a pensare a noi stessi, a confrontarci con quei pensieri che non diciamo ad alta voce ma leggiamo sulla carta. E la potenza di riflessioni e disegno non smettono mai di colpire nel profondo ed emozionare perché così comuni, così umane in pregi e difetti. Kabi Nagata si svela nella sua umanità spingendoci a fare altrettanto: non avere paura di chiedere aiuto e affrontare le difficoltà ma sopratutto noi stessi.

La mia fuga alcolica

Ringraziamo la casa editrice J-Pop Manga per averci fornito una copia del volume per poterlo recensire. Vi ricordiamo le nostre recensioni degli altri volumi di Kabi Nagata usciti in Italia: La mia prima volta My Lesbian Experience with Loneliness e Lettere a me stessa Dopo la mia prima volta. Voi avete letto anche La mia fuga alcolica e cosa ne pensate? E quale è il volume di questa mangaka che più vi ha colpito? Fatecelo sapere nei commenti e continuate a seguire Nerd Pool per essere sempre aggiornati sui vostri manga e anime preferiti!

spot_imgspot_img
La mia fuga alcolica Scappando dalla realtà è un nuovo volume unico di Kabi Nagata edito da J-POP Manga. L'autrice racconta la sua dipendenza da alcool che l'ha portata ad un urgente ricovero in ospedale per una pancreatite acuta. Da questa occasione parte una sua riflessione sui motivi che l'hanno portata ad esagerare con il bere, su se stessa e sui manga biografici che vorrebbe abbandonare per il senso di colpa che prova verso le sue opere precedenti. Un volume interessante e introspettivo nello stile che Kabi Nagata ci ha abituato, con un disegno semplice e l'uso di un colore fluo ma efficace in molte tavole, in contrasto anche con i temi che affronta. Non dimentichiamo poi del suo modo di raccontare esperienze umane nelle quali il lettore può facilmente riconoscersi e trovare un conforto (oltre che un confronto) al pari di quello che lei trova nel disegnare manga così personali ma anche sinceri, che hanno una vena ironica e simpatica ma anche drammatica e seria nell'affrontare temi non facili e che vorremmo vedere più trattati nella fiction e non solo. Aggiungiamo inoltre il fatto che il volume anticipa i temi al centro del successivo volume dell'autrice che siamo assolutamente curiosi di leggere

POTREBBERO INTERESSARTI:

Diario di una guerriera single – Recensione

Un nuovo manga autobiografico di Kabi Nagata giunge in...

Lucca Comics & Games 2022: Gli annunci a sorpresa di J-POP Manga

Milano, 27 ottobre: A un solo giorno dall’inizio di...

Goblin Slayer di Kumo Kagyū e Kōsuke Kurose

Goblin Slayer e' nato come light novel dalla penna...

J-POP Manga presenta Diario di una guerriera single

“Anche io voglio sposarmi … È germogliato in me...

J-POP Manga: Le uscite di Agosto 2022

Durante il mese di agosto, Edizioni BD & J-POP...

Monotone Blue di Nagabe – Recensione

Un volume delicato sull'incontro tra due specie nello stile...

Blue Giant Volume 1 – Recensione

Una passione così forte da doverla esprimere con tutto...

Call of the Night – Recensione

Call of the night, titolo originale Yofukashi no Uta,...
spot_img

Correlati

spot_img

Commenta la notizia!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

La mia fuga alcolica Scappando dalla realtà è un nuovo volume unico di Kabi Nagata edito da J-POP Manga. L'autrice racconta la sua dipendenza da alcool che l'ha portata ad un urgente ricovero in ospedale per una pancreatite acuta. Da questa occasione parte una sua riflessione sui motivi che l'hanno portata ad esagerare con il bere, su se stessa e sui manga biografici che vorrebbe abbandonare per il senso di colpa che prova verso le sue opere precedenti. Un volume interessante e introspettivo nello stile che Kabi Nagata ci ha abituato, con un disegno semplice e l'uso di un colore fluo ma efficace in molte tavole, in contrasto anche con i temi che affronta. Non dimentichiamo poi del suo modo di raccontare esperienze umane nelle quali il lettore può facilmente riconoscersi e trovare un conforto (oltre che un confronto) al pari di quello che lei trova nel disegnare manga così personali ma anche sinceri, che hanno una vena ironica e simpatica ma anche drammatica e seria nell'affrontare temi non facili e che vorremmo vedere più trattati nella fiction e non solo. Aggiungiamo inoltre il fatto che il volume anticipa i temi al centro del successivo volume dell'autrice che siamo assolutamente curiosi di leggere La mia fuga alcolica di Kabi Nagata - Recensione