Gli Anelli del Potere: perché Isildur vede la luce a ovest di Númenor e perché questa lo chiama?

Nel corso degli ultimi episodi de Gli Anelli del Potere, Isildur sente una strana voce e vede una luce brillante a ovest di Númenor. Cosa c'è dietro questo strano fenomeno?

spot_imgspot_img

Isildur sente e vede alcune strane cose nel Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere, o una luce accecante a ovest di Númenor ha davvero chiamato il suo nome?

ATTENZIONE! Seguono spoiler su Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere, proseguite a vostro rischio e pericolo…

Isildur (Maxim Baldry) si trova a un bivio. Mentre è intento ad affrontare le Prove del Mare e seguire la tradizione familiare di servire la marina di Númenor, Isildur sente l’impulso di mandare tutto all’aria. Impulso indotto da uno strano fenomeno.

Nell’episodio 3 de Gli Anelli del Potere, Isildur si distrae durante l’addestramento in mare, guardando verso l’ovest della sua isola e sentendo una dolce voce di donna che chiama il suo nome.

Il desiderio di seguire questa strana vocazione interiore cresce nell’episodio 4 de Gli Anelli del Potere. Durante un’altra sessione di navigazione, Isildur è ancora una volta affascinato dall’ovest. Si sente la stessa voce femminile, ma questa volta una luce scintillante illumina il punto esatto da cui Isildur è ossessionato. Il richiamo è così forte che Isildur decide di sabotare il suo stesso addestramento, facendosi intenzionalmente espellere dalla Guardia del Mare per poter dare seguito alla sua curiosità invece di continuare a seguire la strada indicata dal padre. Il motivo della preoccupazione di Isildur per le terre dell’occidente viene sottilmente spiegato sia nell’episodio 3 che nell’episodio 4 de Gli Anelli del Potere.

Dopo aver sentito il desiderio del figlio di rinviare le Prove del Mare e di recarsi ad ovest, Elendil disse a Isildur: “Ti dirò quello che ho detto a lui, non c’è nulla per noi sulle nostre coste occidentali. Il passato è morto“. Dopo l’atto di autosabotaggio di Isildur, il suo amico lo rimprovera: “L’Occidente? La ‘vera’ Númenor?“.

Mettendo insieme questi indizi, sembrerebbe che l’occidente abbia un significato speciale per gli antenati di Isildur e per coloro che sono conosciuti come “i Fedeli”, che rimangono fedeli ai Valar e amichevoli con gli Elfi quando gran parte della popolazione dell’isola è contraria. Isildur forse sente il desiderio di esplorare questo aspetto della sua eredità – proprio come suo fratello – avventurandosi nella sua casa ancestrale (sappiamo già che Elendil proviene dall’ovest perché la Regina Reggente Míriel lo ha ammesso nell’episodio 3 de Gli Anelli del Potere). Non è chiaro cosa Isildur troverà esattamente a ovest, ma è il punto più vicino a Valinor e anche il luogo in cui Númenor commerciava con gli elfi di Tol Eressëa, il che significa che ci sono molti potenziali legami con i vecchi tempi.

Di chi è la voce che Isildur sente e perché il tramonto è importante

Sebbene Gli Anelli del Potere non abbia ancora fornito una spiegazione concreta per la voce femminile che Isildur continua a sentire, si possono fare alcune ipotesi promettenti.

L’episodio 4 de Gli Anelli del Potere vede lo scontento Valandil insultare Isildur per il fatto che ha sempre “rimuginato sulla madre morta”. Sebbene la donna non sia nominata nella mitologia di J.R.R. Tolkien, Gli Anelli del Potere potrebbe colmare questa lacuna facendo sì che la ricerca di risposte da parte di Isildur sia innescata dalla voce interiore della madre morta. Forse Isildur la sente solo per il dolore, o forse le parole di una madre defunta possono raggiungere le orecchie del figlio per volontà dei Valar.

Se non è la madre, forse la voce che Isildur sente appartiene a uno dei Valar stessi. I petali di Nimloth che cadono nei momenti finali dell’episodio 4 de Gli Anelli del Potere dimostrano che Valinor osserva Númenor molto da vicino, e Isildur è uno dei pochi abitanti dell’isola ancora disposto a onorarli. Forse, sapendo cosa sta per accadere, i Valar stanno preparando Isildur all’enorme destino che lo attende.

Un altro indizio importante è il tramonto che Isildur intravede insieme alla voce misteriosa nell’episodio 4 de Gli Anelli del Potere. Nell’antica lingua Quenya degli Elfi, il tramonto è tradotto come “Andúnië”, e Andúnië è una città ai margini occidentali di Númenor governata dagli antenati di Isildur e dai Fedeli. Questo legame visivo è troppo grande per essere una coincidenza: gli Anelli del Potere stanno sicuramente conducendo Isildur ad Andúnië, dove forse scoprirà alcuni segreti di famiglia.

Cosa pensate? Fatecelo sapere nei commenti. E non dimenticate di iscrivervi al nostro gruppo Facebook dedicato alle serie tv e al cinema.

spot_imgspot_img

Di cosa si parla nell'articolo:

POTREBBERO INTERESSARTI:

NerdPool non finisce qui, anzi, questo è solo l’inizio. Entra a far parte della nostra Community Social, tramite i Gruppi Tematici!

spot_img

Correlati

spot_img

Commenta la notizia!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here