Gli Anelli del Potere: tutto ciò che non funziona nella serie

Sebbene Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere ha fatto alcune grandi cose, la serie ha mancato il bersaglio con alcuni personaggi, in parte nel tema e nella trama. Evidenziamo anche qualche difetto di una serie che rimane comunque magnifica!

spot_imgspot_img

Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere è stato pubblicato con recensioni contrastanti da parte di tutto il fandom. La serie ha fatto un ottimo lavoro con alcuni aspetti della storia di Tolkien. Con alcune grandi scenografie, eccellenti effetti speciali e personaggi interessanti, Gli anelli del potere ha fatto molte cose giuste.

Tuttavia, Gli Anelli del Potere ha anche mancato il bersaglio con alcuni temi, trame e personaggi. Come per ogni serie, non è possibile fare tutto bene o accontentare i fan con ogni decisione. Gli Anelli del Potere ha fatto diversi passi falsi, da un ritmo insoddisfacente a una scarsa rappresentazione di alcune razze della Terra di Mezzo. Questi problemi non sono passati inosservati ai fan.

10 Alcuni personaggi e culture de Gli Anelli del Potere sono insolitamente cattivi

Alcuni personaggi e gruppi hanno preso decisioni terribili nel corso di Gli Anelli del Potere, e molti fan se ne sono accorti. Ad esempio, l’insensibilità con cui gli Harfoot tentano di espellere Nori o Galadriel che si disinteressa di uno dei suoi uomini nella neve sembrano fuori dal personaggio.

Sebbene lo scopo di queste decisioni possa essere lo sviluppo del personaggio, esse sono sembrate fuori luogo, soprattutto tra gli elfi e gli hobbit. I fan conoscono gli hobbit per il loro calore e gli elfi per la loro grazia, ma gli Anelli del Potere non hanno mostrato molti di questi tratti caratteriali consolidati.

9 Gli Anelli del Potere ha un problema di ritmo

Una critica comune tra il fandom di Tolkien è stata la scarsa cadenza di Anelli del potere rispetto a entrambe le trilogie di Jackson. Quando la serie ha raggiunto la metà, c’è stata poca azione, nonostante le quasi quattro ore di durata.

Nel frattempo, La Compagnia dell’Anello, della stessa durata dei primi quattro episodi, includeva le battaglie di Moria, del Balrog e degli Uruk-Hai. Le differenze tra l’amato LOTR e Gli anelli del potere sono nette. Già nel quinto episodio di Anelli del potere, i personaggi avevano appena intrapreso il loro viaggio.

8 I dialoghi de Gli Anelli del Potere sono diventati piatti

I dialoghi di Rings of Power sono stati un misto. Mentre le interazioni principali tra i personaggi sono state accolte meglio, i tentativi di fare eleganti similitudini o di usare metafore sono stati in gran parte bocciati. Sembra che Rings of Power si stia sforzando troppo per creare idiomi unici. Lo sforzo di creare un nuovo mondo è grande, ma spesso manca il bersaglio.

Molti fan hanno criticato la goffaggine dei dialoghi della serie, che non hanno avuto l’impatto che si era visto nella trilogia di Jackson. L’eccessiva quantità di ripetizioni, i riferimenti a eventi sconosciuti e le scarse similitudini lasciano spazio a miglioramenti.

7 I costumi de Gli Anelli del Potere hanno qualche difetto

L’esempio più lampante di costumi deludenti è stato quello di Galadriel e dei suoi soldati elfici, visti durante il loro viaggio a Valinor. Non solo gli elfi sono considerati maestri artigiani, ma la missione di Galadriel si svolge anche in un periodo di pace, il che significa che non c’è motivo per armature di bassa qualità o prodotte in serie.

La maggior parte dei costumi ha lasciato a desiderare, ma il budget di Amazon avrebbe dovuto consentire la realizzazione di abiti di grande effetto. I costumi e le armature sono stati tra i punti di forza dei primi tre film di LOTR, e la serie avrebbe potuto prenderne spunto.

6 Poca esplorazione delle diverse terre

Mentre l’Episodio 3 ha fatto un buon lavoro nell’esplorare le strade di Numenor, altre ambientazioni, in particolare le città elfiche, sono state poco o per nulla approfondite. Al contrario, i fan sono limitati a inquadrature ampie delle città seguite da pochi set individuali. Può risultare frustrante per i fan essere trattati con una bella inquadratura esterna ma vedere poca esplorazione all’interno.

Questo è stato un netto contrasto con la trilogia di Jackson, che esplorava più luoghi all’interno di ogni città, come i luoghi di Gondor e del Fosso di Helm. Sebbene le ampie inquadrature di Anelli del potere siano incredibilmente impressionanti, una maggiore esplorazione di ogni luogo sarebbe stata ben accolta.

5 Una strategia confusa per il pubblico di riferimento

Il franchise de Il Signore degli Anelli è sempre piaciuto a una vasta gamma di spettatori. Alcuni spettatori preferiscono l’ampia costruzione del mondo della Terra di Mezzo, mentre altri apprezzano l’azione e le sequenze di battaglia. Alcuni fan sono più incuriositi dalle creature mitiche.

Tuttavia, Gli Anelli del Potere è leggero su tutti gli elementi fondamentali del fascino del franchise. Ciò significa che la serie può piacere più ai fan occasionali che agli spettatori devoti. Se da un lato questa può essere una buona strategia per avvicinare nuovi spettatori al fandom, dall’altro rischia di allontanare i fan più affidabili.

4 Ci sono state troppe alterazioni alla storia di Tolkien

Sebbene alcune cose debbano essere necessariamente modificate per far funzionare un adattamento televisivo e cinematografico, molte delle modifiche apportate da Rings of Power alla storia di Tolkien non sono state necessarie. Ad esempio, la fonte della lunga vita degli elfi nella Terra di Mezzo dipende dal Mithril, che è un elemento esclusivo della serie.

In una serie che non può raccontare una storia lunga secoli, è comprensibile che alcune cose vengano omesse o modificate. Tuttavia, cambiare radicalmente il modo in cui funzionano gli aspetti fondamentali del mondo di Tolkien è sbagliato e potrebbe creare dei buchi nella trama nel corso delle stagioni.

3 Il tempo è troppo condensato in Gli Anelli del Potere

Anche se gli spettatori occasionali potrebbero non conoscere la storia di Tolkien, una delle critiche mosse dai fan dei libri è stata la condensazione del tempo. Eventi che nei libri erano separati da centinaia o migliaia di anni, in Anelli del potere si sono svolti nell’arco di poche settimane. L’arrivo dei Valar, ad esempio, non avviene nella Seconda Era della Terra di Mezzo.

Questa distorsione temporale è probabilmente un tentativo di catturare tutti gli elementi fondamentali che hanno fatto appassionare il pubblico alle opere precedenti. Tuttavia, condensando così tanto la storia, alcuni dettagli e risultati potrebbero avere meno senso o costringere gli sceneggiatori a deviare troppo.

2 La trama è troppo simile a quella de Il Signore degli Anelli

Purtroppo, l’aggancio principale de Gli anelli del potere e la sua conclusione sono già noti ai fan. Gli spettatori hanno visto come finisce la storia di Sauron, ma sanno ben poco della trama della serie prequel. La trilogia originale aveva una premessa chiara fin dall’inizio: la Compagnia deve distruggere l’anello e sconfiggere Sauron. Nello show, la trama sembra essere una rivisitazione della trilogia originale in termini di anelli e minaccia del male.

In una serie originale, Amazon avrebbe fatto meglio a sviluppare una storia del tutto originale con nuovi colpi di scena e minacce per portare ai fan qualcosa di nuovo. Mentre la storia originale è stata un successo per una buona ragione, Amazon potrebbe scoprire che il risultato è solo un confronto tra la trama di questa serie e la trilogia di Jackson.

1 Gli Anelli del Potere forse cerca troppo di essere il prossimo Game of Thrones

Quando Amazon ha annunciato di essersi assicurata i diritti delle appendici de Il Signore degli Anelli, i fan hanno subito ipotizzato che l’azienda sperasse di realizzare il proprio Game of Thrones. Finora, questa ipotesi sembra essere in qualche modo corretta, anche se Rings of Power è una versione più adatta alle famiglie. Con entrambi i franchise che offriranno una serie prequel nel 2022, con trame che ruotano attorno a re che cercano di reclamare il loro trono e alla politica del regno, questo sembra essere il caso.

Il problema è che Il Signore degli Anelli e Game of Thrones sono franchise molto diversi tra loro, che si rivolgono a un pubblico diverso. Game of Thrones racconta una storia di azione e schemi politici spietati. Tuttavia, l’opera di Tolkien si concentra maggiormente sulla storia, la mitologia e il coraggio che esistono nella Terra di Mezzo.

FONTECBR

COMMENTA LA NOTIZIA

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

POTREBBERO INTERESSARTI:

Gli Anelli del Potere rinnova un ruolo importante per la stagione 2

Prime Video ha recentemente annunciato una serie di nuove...

Gli Anelli del Potere, “Adar” parla del recasting della seconda stagione

La star di Il Signore degli Anelli: Gli Anelli...

ISDA: chi era Legolas prima di unirsi alla Compagnia?

Quando la Compagnia si formò ne Il Signore degli...

Gli Anelli del Potere, per una scena di due minuti ci sono volute due settimane

L'attore de Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del...

Gli Anelli del Potere, l’attore di Theo era davvero spaventato dagli Orchi

L'attore di Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del...

Gli Anelli del Potere, com’è stato creato il set apocalittico di Mordor

In un'intervista a CBR, Muhafidin, che nella serie interpreta...
spot_imgspot_img
spot_img

Correlati

Gli Anelli del Potere, è possibile l’arrivo di un prequel?

Il Signore degli Anelli: Gli Anelli del Potere racconta...

ISDA: per quanto tempo è esistito l’Unico Anello?

Le storie precedenti a Il Signore degli Anelli coprono...

Il Signore degli Anelli, perché non compaiono elfi bambini?

Gli Elfi della Terra di Mezzo si distinguono da...
spot_img