Aquaman e il Regno Perduto conferma la morte di un personaggio

La storia di Aquaman e il Regno Perduto vede Arthur Curry (Jason Momoa) come bersaglio della vendetta di David Kane, alias Black Manta (Yahya Abdul-Mateen II). Manta scopre il leggendario Tridente Nero di Atlantide, il premio del Regno Perduto di Necrus. Quando Manta prende in mano il tridente, possiede l’anima del fratello di Re Atlan, Kordax.

Il piano di Kordax prevede che Manta e la sua ciurma di pirati rubino dai caveau atlantidei depositi di una fonte di carburante chiamata “Orichalcum” per alimentare la sua armata di antiche armi e veicoli atlantidei. Il costo dell’uso dell’Orichalcum è che emette gas serra che avvelenano sia il mare che l’aria. È a causa di queste malattie marine che Aquaman perde una persona a lui cara: il suo mentore, Vulko (Willem Dafoe).

Aquaman: chi era Vulko?

Vulko era il “visir” reale di Atlantide, che serviva lealmente il trono. A differenza del resto di Atlantide, Vulko accolse il giovane “principe” Arthur e lo addestrò alla cultura atlantidea e ai suoi stili di combattimento. Vulko dovette mantenere una posizione scomoda mentre Arthur diventava adulto in superficie e trovava la sua strada come eroe. Il fratellastro di Arthur, Orm (Patrick Wilson), ha iniziato una campagna clandestina per conquistare i vari regni di Atlantide e dichiararsi Ocean Master, in modo da poter distruggere il mondo di superficie. Vulko ha fatto il doppio gioco, rimanendo al fianco di Orm come un fedele consigliere, anche se ha aiutato Arthur e Mera a contrastare gli sforzi di Orm. Anche se il tradimento di Vulko è stato scoperto da Orm, e alla fine è stato liberato da Artù e ha servito come suo consigliere quando è salito al trono.

Cosa pensate? Fatecelo sapere nei commenti. E non dimenticate di iscrivervi al nostro gruppo Facebook dedicato alle serie tv e al cinema

CORRELATI