George R.R. Martin e Neil Gaiman giudicano gli adattamenti non fedeli come “illegittimi”

L’adattamento di libri in spettacoli e film non è certo un concetto nuovo a Hollywood, e George R.R. Martin e Neil Gaiman sono due autori che non sono estranei a vedere il loro lavoro portato sullo schermo. Martin è noto per aver scritto i libri su cui si basano Game of Thrones e ora House of the Dragon, mentre il progetto più recente di Gaiman è stato Sandman di Netflix, con una seconda stagione di Good Omens in arrivo. Di recente, i due autori hanno avuto una conversazione al Symphony Space di New York (via Variety) e si sono confrontati sugli adattamenti infedeli.

Martin ha parlato dell'”obbligo di essere fedeli al materiale scritto”, che ha definito una questione “controversa” a Hollywood.

“Quanto devi essere fedele? Alcune persone non sentono affatto di dover essere fedeli. C’è questa frase che gira: ‘Lo farò mio’. Odio questa frase. E credo che anche Neil probabilmente la detesti”, ha detto Martin. “È vero”, ha risposto Gaiman. “Ho passato 30 anni a guardare le persone che facevano proprio Sandman. E alcune di queste persone non avevano nemmeno letto Sandman per farlo proprio, avevano solo sfogliato qualche fumetto o qualcosa del genere”. Gaiman ha detto che è stata una “gioia” realizzare The Sandman per Netflix, e Martin ha accontentato la folla esclamando: “Vogliamo la seconda stagione!”.

Martin ha continuato:

“Ci sono cambiamenti che devi fare – o che sei chiamato a fare – che penso siano legittimi. E ce ne sono altri che non sono legittimi”. Ha parlato dell’adattamento di L’ultimo difensore di Camelot di Roger Zelazny per un episodio di Ai confini della realtà e di come i vincoli di budget lo abbiano costretto a scegliere tra i cavalli e un elaborato set simile a Stonehenge. “A mio parere, questo è il tipo di cose che si è chiamati a fare a Hollywood e che sono legittime”. Ha aggiunto un esempio di cambiamento “illegittimo”, dicendo che la CBS gli ha fatto inserire nell’episodio una “persona comune” che si limita ad “accompagnarla” per far leva su un “concetto elevato”. Ha spiegato: “Ero nuovo a Hollywood… Non ho detto: ‘Siete dei fottuti idioti'”.

“Perché il Trono di Spade in Game of Thrones non è il Trono di Spade descritto nei libri? Perché non è alto 15 piedi e fatto di 10.000 spade? Perché il soffitto del nostro palcoscenico non era alto 15 piedi! Non potevamo inserirlo, e non erano disposti a darci la Cattedrale di San Paolo o l’Abbazia di Westminster per girare il nostro piccolo show”, ha scherzato Martin.

La prima stagione di House of the Dragon è disponibile su HBO Max.

FONTECB

CORRELATI