L’arte delle bacchette: L’Esercito di Silente

spot_img

In questo nuovo articolo della nostra rubrica dedicata alle bacchette del mondo di Harry Potter vi parliamo di quelle dei membri dell’Esercito di Silente. L’Esercito di Silente è un’organizzazione illegale fondata da Harry Potter, Hermione Granger e Ron Weasley al loro quinto anno ad Hogwarts per contrastare l’ostinazione della professoressa Dolores Umbridge nel non insegnare Difesa contro le Arti Oscure. Chiunque avrebbe voluto entrare a far parte dell’ES doveva firmare una pergamena stregata a insaputa degli altri, in maniera tale che rivelasse un eventuale traditore con la comparsa di foruncoli sulla sua faccia.

L’orario degli incontri dell’ES veniva deciso tramite galeoni d’oro falsi tutti connessi a quello di Harry che, quando decideva la data e l’ora del nuovo incontro, questa appariva al posto del numero di serie dei galeoni, che cominciavano a scaldarsi per attirare l’attenzione. L’ES si riuniva nella Stanza delle Necessità, una camera segreta al settimo piano situata di fronte all’arazzo di Barnaba il babbeo, dotata della capacità di variare a seconda delle esigenze di chi vi entra.

Vediamo le caratteristiche delle bacchette dei membri:

Harry Potter

La bacchetta di Harry Potter è di legno di agrifoglio con un nucleo di piuma di fenice ed è lunga 11 pollici. Il legno di agrifoglio è uno dei legni da bacchetta più rari; ritenuto tradizionalmente protettivo, questo legno si sposa felicemente con chi può aver bisogno d’aiuto per superare la propria tendenza alla rabbia e all’impetuosità. Non di rado, inoltre, le bacchette di agrifoglio scelgono un padrone coinvolto in qualche pericolosa impresa di ricerca, spesso di tipo spirituale. L’agrifoglio è uno di quei legni la cui efficacia negli incantesimi varia radicalmente a seconda del nucleo scelto per la bacchetta. È notoriamente difficile combinarlo alla piuma di fenice, perché la sua imprevedibilità entra in qualche modo in conflitto con il temperamento distaccato della fenice. Nella remota eventualità in cui una simile combinazione trovi il suo proprietario ideale, tuttavia, niente e nessuno dovrebbe provare a ostacolarli. Il nucleo di piuma di fenice è il più raro. Le piume di fenice hanno un potenziale magico molto più vasto rispetto ai nuclei di unicorno e di drago, anche se spesso necessitano di più tempo per dimostrarlo. Sono le bacchette con maggiore iniziativa e a volte agiscono di propria spontanea volontà, caratteristica poco gradita alla maggior parte di maghi e streghe. Le bacchette di piuma di fenice sono sempre le più selettive in materia di potenziali proprietari, perché la creatura da cui traggono il nucleo è una delle più indipendenti e distaccate del mondo. Queste bacchette sono le più difficili da domare e personalizzare, e la loro lealtà non si conquista senza fatica. Come sappiamo la piuma di fenice risiedente nella bacchetta di Harry arriva dalla stessa fenice che ha dato la piuma risiedente anche nella bacchetta di Voldemort.

Ron Weasley

Ronald Weasley ebbe 2 bacchette, la prima era di legno di frassino con nucleo di crine di unicorno ed era lunga 12 pollici. Il 1° settembre del 1992 andò distrutta in seguito allo scontro con il Platano Picchiatore. Le bacchette in legno di frassino restano sempre fedeli al loro unico e legittimo padrone e non dovrebbero essere mai tramandate né regalate perché perderebbero i poteri e le doti. Questa tendenza è esasperata se possiede un nucleo di unicorno. Le streghe e i maghi più adatti alle bacchette di frassino non si lasciano distogliere facilmente dai loro propositi e dalle loro idee. Tuttavia le streghe o i maghi insolenti e troppo sicuri di sé che spesso insistono a voler provare bacchette di questo legno prestigioso rimarranno delusi dai risultati. Il proprietario ideale può essere ostinato, e di certo sarà coraggioso, ma mai arrogante o grossolano. Le bacchette in crine di unicorno non sono molto potenti, ma sono le meno propense a causare incidenti e a cambiare lealtà. Sono le meno adatte alle Arti Oscure e richiedono una certa cura nell’utilizzo.

La seconda bacchetta è di salice con nucleo di crine di unicorno con una lunghezza di 14 pollici e 1/2. Il salice è un legno da bacchetta raro e dotato di poteri curativi. Spesso il proprietario ideale di una tale bacchetta ha alcune insicurezze (di solito ingiustificate), per quanto bene cerchi di nasconderlo. Anche se molti clienti sicuri di sé insistono a voler provare una bacchetta di salice (attirati dalla sua bellezza e dalla fama ben fondata di consentire magia avanzata e incantesimi non-verbali), di solito queste bacchette hanno sempre preferito maghi dalle grandi potenzialità rispetto a quelli che credevano di non aver più molto da imparare. Le bacchette in crine di unicorno, come appena detto sopra, non sono molto potenti, ma sono le meno propense a causare incidenti e a cambiare lealtà. Sono le meno adatte alle Arti Oscure e richiedono una certa cura nell’utilizzo.

Hermione Granger

La bacchetta di Hermione Granger è di legno di vite con nucleo di corda di cuore di drago, lunga 10 pollici e 3/4. I druidi consideravano un albero qualsiasi cosa che avesse un gambo legnoso, e la vite produce bacchette davvero speciali. Le bacchette di vite sono tra le meno comuni ed è affascinante notare come i loro proprietari siano quasi sempre streghe e maghi che perseguono uno scopo più alto, che hanno un intuito fuori dal comune e che stupiscono spesso chi crede di saperla più lunga. Pare che le bacchette di vite siano fortemente attratte da persone dotate di una profondità nascosta e sono le più sensibili di tutte quando si tratta di riconoscere all’istante il proprio futuro padrone. Secondo fonti affidabili è sufficiente che un proprietario adatto entri nella stanza per suscitare una reazione magica in queste bacchette. Le bacchette con nucleo di corda di cuore di drago sono le più potenti, e sono quelle che imparano gli incantesimi più velocemente e più facilmente. Tuttavia sono anche quelle più inclini agli incidenti e più propense a cambiare lealtà, anche se legano sempre fortemente con l’attuale proprietario. Sono anche le più facili da usare per le Arti Oscure, anche se non tendono naturalmente verso di esse.

Neville Paciock

Neville Paciock ha avuto due bacchette, la prima ha caratteristiche sconosciute ed è stata distrutta durante la battaglia all’ufficio misteri. la seconda è in legno di ciliegio con nucleo di crine di unicorno, lunga 13 pollici. Dal legno di ciliegio, molto raro, si ricavano bacchette dal potere singolare, apprezzatissime dagli studenti della scuola di Magia di Mahoutokoro, in Giappone, dove possederne una è fonte di grande prestigio. Il compratore Occidentale non deve pensare che da quest’albero, visti i suoi bei fiori rosa, si ricavino bacchette puramente ornamentali e frivole. Il ciliegio, infatti, genera spesso una bacchetta dal potere davvero letale, qualunque sia il nucleo; ma se abbinata alle corde del cuore di drago, non dovrebbe mai appartenere a un mago che non abbia un eccezionale auto-controllo e forza d’animo. Le bacchette in crine di unicorno, come appena detto sopra, non sono molto potenti, ma sono le meno propense a causare incidenti e a cambiare lealtà. Sono le meno adatte alle Arti Oscure e richiedono una certa cura nell’utilizzo.

Luna Lovegood



Anche Luna Lovegood ha avuto due bacchette, non è stato reso noto di che materiale fosse la prima bacchetta che le fu tolta quando venne catturata dai Mangiamorte e portata a casa Malfoy. Dopo essere stata liberata assieme ad Olivander quest’ultimo le creò una nuova bacchetta. Purtroppo nemmeno della seconda bacchetta sono state rese note le caratteristiche.

Ginny Weasley

La bacchetta di Ginny Weasley è di legno di nocciolo con un nucleo di corda di cuore di drago, lunga 11 pollici. Le bacchette fabbricate con legno di nocciolo sono sensibili e spesso rispecchiano lo stato emotivo del loro padrone, risultando più adatte a chi capisce e riesce a controllare le proprie emozioni. Chiunque maneggi una bacchetta di nocciolo sa che quando il suo proprietario abbia recentemente perso le staffe o subito una cocente delusione dovrebbe stare attento perché la bacchetta assorbe l’energia ed è capace di scaricarla in modo imprevedibile. Tuttavia questi piccoli disagi sono più che compensati dagli aspetti positivi della bacchetta di nocciolo, che in mani capaci è in grado di compiere incantesimi eccezionali, ed è così devota al suo padrone che spesso ‘appassisce’ quando costui passa a miglior vita, in altre parole, espelle tutta la sua magia e si rifiuta di funzionare, rendendo necessaria la rimozione del nucleo e il suo inserimento in un altro involucro, sempre che si abbia ancora bisogno della bacchetta. Tuttavia se il nucleo è di crine di unicorno non c’è speranza, la bacchetta sarà sicuramente ‘morta’. Le bacchette di nocciolo possiedono inoltre la singolare capacità di rilevare l’acqua nel sottosuolo ed emettono lacrime di vapore argenteo quando si passa sopra a fonti e pozzi nascosti. Le bacchette con nucleo di corda di cuore di drago sono le più potenti, e sono quelle che imparano gli incantesimi più velocemente e più facilmente. Tuttavia sono anche quelle più inclini agli incidenti e più propense a cambiare lealtà, anche se legano sempre fortemente con l’attuale proprietario. Sono anche le più facili da usare per le Arti Oscure, anche se non tendono naturalmente verso di esse.

Fred e George Weasley

Il legno, il nucleo e la lunghezza delle bacchette di Fred e George Weasley purtroppo non sono mai stati rivelati. Sappiamo per certo però che, nonostante i due siano gemelli, la stessa cosa non vale per le loro bacchette. Dopo la morte in battaglia di Fred, non sappiamo di preciso cosa sia successo alla sua bacchetta, ma nulla ci impedisce di pensare che l’abbia presa George, cosi che gli rimanesse un pezzetto del fratello perduto.

Dean Thomas

Anche Dean Thomas ha avuto due bacchette e purteoppo di entrambe non sono state rese note le caratteristiche. Sappiamo solo che la prima bacchetta gli fu presa da un gruppo di ghermidori, poi durante la battaglia di Hogwarts si guadagno una nuova bacchetta presa da uno dei caduti.

Delle bacchette degli altri membri dell’Esercito di Silente purtroppo non sono state rese note le caratteristiche o informazioni particolari.

Sperando che abbiate trovato interessante questo articolo vi diamo appuntamento tra una settimana con le bacchette dei membri dell’Ordine della Fenice.

Se vuoi la tua replica di una bacchetta dei personaggi della saga, la tua bacchetta artigianale personalizzata o sei in cerca di un espositore per bacchette clicca QUI.










spot_img

COMMENTA LA NOTIZIA

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

CORRELATI