Marvel Studios: un dirigente conferma un cambiamento chiave nei prossimi progetti del MCU

Dietro le quinte dei Marvel Studios sono in corso dei cambiamenti, tra cui lo sviluppo di un diversi progetti che entreranno in produzione e verranno rilasciati. Il CEO Bob Iger ha recentemente parlato di come gli studios stiano rinnovando il loro approccio alla produzione cinematografica, in particolare ai Marvel Studios, con l’obiettivo di migliorare la qualità rispetto alla quantità. 

Questa mossa fa seguito alle preoccupazioni dei fan circa la diluizione dell’attenzione della Marvel a causa dell’espansione dei contenuti televisivi e dell’aumento della produzione cinematografica.

- PUBBLICITÀ -

Dato che il 2020 del MCU è stato visto come l’anno dell’inizio del declino rispetto all’Infinity Saga, Disney e Marvel continueranno a modificare i loro processi creativi e commerciali.

Marvel svilupperà più di quanto produrrà

Il responsabile dello streaming, della Televisione e dell’Animazione dei Marvel Studios, Brad Winderbaum, ha confermato un cambiamento chiave nel processo di sviluppo del MCU.

Durante un’intervista con Comicbook, Winderbaum ha dichiarato che un “nuovo sistema” è in atto per ridurre il numero di progetti prodotti.

- PUBBLICITÀ -

Ha anche accennato al fatto che lavoreranno “più come uno studio tradizionale ora” dove i Marvel Studios saranno intenzionalmente “sviluppando più di quanto [produrranno] effettivamente:”.

“Abbiamo un nuovo sistema dietro le quinte dei Marvel Studios […]. Ora siamo più simili a uno studio tradizionale, stiamo sviluppando più di quanto effettivamente produrremo…”

Si tratta di un notevole cambiamento rispetto alla precedente strategia dei Marvel Studios, utilizzata durante la Saga dell’Infinito e persino durante la Fase 4 (che comprendeva 15 serie e film nell’arco di due anni), in quanto praticamente ogni progetto sviluppato dallo studio con una storia e una sceneggiatura è stato filmato e infine rilasciato.

Inoltre, Winderbaum ha parlato con The Hollywood Reporter e ha confermato che, inizialmente, potevano “creare tutto ciò che volevamo per lanciare Disney+ e avere una casa per la nuova Marvel”. “Ma ora saranno “più attenti nelle nostre scelte”.

“Sì, certamente il mondo è cambiato. L’idea originale era quella di poter creare tutto ciò che volevamo per lanciare Disney+ e avere una casa per le nuove idee Marvel. E ora dobbiamo essere un po’ più cauti nelle nostre scelte”.

Ha aggiunto che le serie tv sono più “liberatorie” per loro stessa natura, che danno agli spettatori la possibilità di “vedere come i personaggi possono sbocciare in modi inaspettati”.

Per coloro che temono che la Marvel non correrà abbastanza rischi in futuro, Winderbaum ha confermato che possono “essere ancora un po’ più sperimentali” su Disney+:

“Ma una cosa che è liberatoria della televisione è che, essendo una forma più lunga e svolgendosi in un arco di tempo maggiore e non solo in due ore, siamo in grado di guardare ai personaggi Marvel e vedere come possono sbocciare in modi inaspettati. Quindi possiamo ancora essere un po’ più sperimentali e correre dei rischi, ma come in ogni altra cosa, si impara man mano.

Il dirigente ha ribadito l’idea che “i personaggi sono ancora al centro di tutto” quello che la Marvel fa, e il loro “principio guida” ruota ancora intorno ai suoi eroi:

“Lo abbiamo sempre saputo, ma una cosa che ho imparato e che è davvero vera è che i personaggi sono ancora al centro di tutto ciò che facciamo. Creare personaggi divertenti e simpatici, in grado di insegnare l’empatia, di fare da specchio al pubblico e di diventare un canale emotivo per le persone, è ancora il nostro principio guida”.

Cosa significano i tagli ai Marvel Studios per i progetti futuri?

Non è diventato un segreto che Bob Iger voglia riportare i Marvel Studios a una mentalità simile a quella dei giorni di gloria degli anni 2010.

L’imboscata dei contenuti Disney+ non ha funzionato. Molti fan hanno apprezzato alcuni spettacoli, ma gli spettatori occasionali hanno perso interesse a causa della mole incredibile di contenuti da guardare.

In futuro, non solo si darà priorità alla qualità rispetto alla quantità, ma ci si concentrerà anche sui suoi eroi fondamentali.

Il 2024 è l’anno della ricostruzione, con Deadpool e Wolverine come unico film del MCU in uscita nelle sale quest’anno. Questa è l’occasione perfetta per dare ai fan il tempo di recuperare contenuti vitali come Loki Stagione 2 e ricordare cosa significa avere pazienza per un progetto Marvel.

A prescindere dalla sua mentalità da Disney+, la Marvel sta anche affrontando le accuse penali e il conseguente licenziamento di Jonathan Majors, che era fortemente coinvolto nei piani futuri del nuovo antagonista principale dell’universo, Kang.

Avengers 5, non più intitolato La Dinastia Kang, rischia di avere un rendimento insufficiente al botteghino. Qualche anno fa, Disney e Marvel non avrebbero mai preso in considerazione questa possibilità.

Per questo motivo, tutto ciò che i Marvel Studios faranno da ora fino ad allora servirà a ristabilire la fiducia nella comunità dei fan e a richiamare un pubblico più generico.

I più letti

Bad Boys 4: Ride or Die – ci sono scene post-credits?

Sono passati quasi trent’anni dall’esordio su schermo dei due...

Anteprima Panini 394 è online: ecco tutti i dettagli e il PDF!

Finalmente ci siamo! Anteprima 394 è online! Possiamo finalmente...

Bridgerton 3: la recensione della seconda parte

É disponibile da oggi, su Netflix, la seconda parte della...

Jujutsu Kaisen Stagione 3: uscita, novità e tutto quello che sappiamo

Dopo una stagione 2 ricca di azione, ecco cosa...

Fire Force Stagione 3: uscita, personaggi e tutto ciò che sappiamo

Dopo più di due anni dal suo annuncio, i...
spot_img
Correlati
spot_img