Star Wars: The Bad Batch S3 – Recensione dei primi 8 episodi

Un concentrato di adrenalina e drammaticità.

Grazie a Disney abbiamo avuto modo di vedere in anteprima i primi 8 episodi di Star Wars: The Bad Batch. Si tratta di un’ultima stagione da urlo, che inizia con un primo arco narrativo incentrato sulla “vita da prigioniera” di Omega, ricco di avvenimenti che includono non solo l’avanzamento della trama della serie, ma anche quella molto più grande dell’universo di Star Wars. Ancora una volta, notiamo il genio di Dave Filoni come supervisore, all’opera in questo sequel e spin-off della serie The Clone Wars. La serie è prodotta dalla Lucasfilm Animation.

Un arco narrativo spettacolare

La terza stagione di Star Wars: The Bad Batch sbarca su Disney+ il 21 Febbraio con tre primi episodi da urlo, a cui seguirà settimanalmente un episodio; e infatti, troviamo un inizio davvero con il botto, ricco di eventi, rivelazioni, che non riguardano soltanto Omega, o la trama principale ma tutto ciò che accade nella galassia in quel periodo. Fin dai primi minuti, avvertiamo un’elevata tensione e non riusciamo a toglierci dalla testa una drammatica domanda che fa salire l’adrenalina alle stelle: “come e quando fuggirà Omega?”

Lo sappiamo Omega in The Bad Batch è una ragazzina tosta, ne ha davvero passate tante e ha un carattere forte e al tempo stesso gentile, come si può notare ancora di più in questa stagione, che anzi, fa sentire quasi in imbarazzo le precedenti grazie alla crescita che il suo personaggio subisce, si trasforma e piano piano lascia andare il suo lato più cortese, per lasciare spazio alla parte più razionale e determinata, senza scrupoli quasi, che può salvare lei e le persone che ama.

Doctor Royce Hemlock in a scene from “STAR WARS: THE BAD BATCH”, season 3 exclusively on Disney+. © 2024 Lucasfilm Ltd. & ™. All Rights Reserved.

Rapporti profondi

Con l’inizio di un nuovo arco narrativo, a partire dal quarto episodio, sebbene subisca un calo nel ritmo della narrazione, abbiamo modo di esplorare un Omega più “consapevole” e notiamo come i rapporti fra i principali personaggi di The Bad Batch vengano esposti e approfonditi in una maniera molto più meticolosa. E anche ciò che successe ai cloni nei primi anni dell’Impero verrà esplorato maggiormente, mostrandoci maggiormente i tormenti che erano costretti a subire. Per questo, anche gli obiettivi dei cloni che erano presenti in altre serie animate come The Clone Wars avanzeranno.

Ma, ciò che colpisce di più in questi episodi è la tensione, l’adrenalina che si percepisce, che si viene a creare da situazioni action e drammatiche molto alte, raggiungendo un picco di maturità mai visto prima in The Bad Batch. Sicuramente, queste atmosfere così cupe e adrenaliniche si sono create e si riescono a percepire anche grazie alle ambientazioni, dai toni scuri e freddi che vengono messi in contrasto, spesso, con l’illuminazioni di certi ambienti che vediamo soprattutto durante le scene di combattimento, e soprattutto mischiandosi con gli effetti speciali dei laser e delle varie armi o potenza di fuoco mostrate.

Emperor Palpatine in a scene from “STAR WARS: THE BAD BATCH”, season 3 exclusively on Disney+. © 2024 Lucasfilm Ltd. & ™. All Rights Reserved.

Un concentrato di emozioni

In questo tornado di emozioni, mentre saremo sopraffatti da toni cupi e irrequieti, non mancheranno istanti leggeri e spensierati, dovuti soprattutto alla presenza di Wrecker e all’indole buona e genuina di Omega, che sembrano fare da avamposto all’oscurità che li circonda. I primi otto episodi di The Bad Batch quindi, ci sembrano carichi di accadimenti eccitanti e spesso drammatici, la trama principale si mischia con quella relativa a quegli anni, i primi dell’Impero.

Ma nonostante questo colui che sembra essere il vero villain non è tanto l’Imperatore Palpatine e i suoi oscuri piani, ma molto di più il Dottor Royce Hemlocket, che spinge e mette sotto pressione non solo tutti coloro che lo circondano, costretti a eseguire i suoi ordini, ma anche gli spettatori. Di certo tiene con il fiato sospeso, ma Omega e i suoi alleati, non sono da meno. Sarà una miscela di adrenalina e sentimenti, e noi non vediamo proprio l’ora di sapere come andrà a finire!

Asajj Ventress in a scene from “STAR WARS: THE BAD BATCH”, season 3 exclusively on Disney+. © 2024 Lucasfilm Ltd. & ™. All Rights Reserved.

E voi guarderete Star Wars: The Bad Batch? Fateci sapere tutti i vostri pensieri a riguardo nei commenti!

In quest'ultima stagione di Star Wars: The Bad Batch, abbiamo un concentrato di adrenalina e drammaticità, dai toni cupi e irrequieti, capace di tenere gli spettatori incollati allo schermo.

CORRELATI

In quest'ultima stagione di Star Wars: The Bad Batch, abbiamo un concentrato di adrenalina e drammaticità, dai toni cupi e irrequieti, capace di tenere gli spettatori incollati allo schermo.Star Wars: The Bad Batch S3 - Recensione dei primi 8 episodi