IN EVIDENZA

Stargirl 1×04: “Wildcat” – Recensione

Stargirl continua la sua crescita con un altro episodio ottimo. La serie di DC Universe tocca anche temi delicati, dimostrando di poter essere anche uno show che va oltre il voler mostrare dei supereroi. Una nuova generazione di personaggi storici della DC Comics sta prendendo vita puntata dopo puntata. Per l'occasione le origini di Wildcat vengono mostrate in modo molto interessante.

E’ andato in onda su DC Universe e The CW il quarto episodio di Stargirl intitolato “Wildcat“. Una puntata che ha introdotto un nuovo personaggio, presentando le difficili origini di Yolanda Montez. Ecco la nostra recensione:

ATTENZIONE! L’ARTICOLO CONTIENE SPOILER!

Stargirl continua la sua crescita con un altro episodio ottimo. La serie di DC Universe tocca anche temi delicati, dimostrando di poter essere anche uno show che va oltre il voler mostrare dei supereroi. Una nuova generazione di personaggi storici della DC Comics sta prendendo vita puntata dopo puntata. Per l’occasione le origini di Wildcat vengono mostrate in modo molto interessante.

PROBLEMI ADOLESCENZIALI

Wildcat” si apre con un flashback che ci porta a tre mesi fa, dove scopriamo che che Yolanda (vista nei primi episodi al tavolo da pranzo dei “Losers”) era piuttosto popolare alla Blue Valley High. La giovane studentessa stava uscendo con Henry King Jr., era la favorita per vincere le elezioni come rappresentate della scuola e i suoi genitori erano fieri di lei.

Una notte, Henry manda un messaggio a Yolanda mentre lei si trova a casa nella sua stanza, chiedendole di mandarle una foto sexy. Yolanda è titubante, ma quando Henry sottolinea che è solo per lui e che la ama, la ragazza si toglie la maglia e il reggiseno e scatta un selfie in topless per il suo fidanzato.

Cindy in qualche modo mette le mani sulle foto e le fa circolare proprio mentre Yolanda teneva un discorso per il giorno delle elezioni davanti al corpo studentesco. Questo porta Yolanda ad essere considerata una “sgualdrina” e le fa perdere la popolarità e la completa fiducia dei genitori.

Quanto ci viene mostrato è una storia che ai nostri tempi accade spesso. Purtroppo la società moderna non guarda in faccia a nessuno, e la fiducia che si da alle persone amate in età adolescenziale porta a questi tradimenti che possono avere dei risvolti anche drammatici. Stargirl si adatta al mondo dei selfie e dei social network, riscrivendo un’origine di Wildcat più adatta ai giorni nostri.

LA PRIMA RECLUTA

Tornati nel presente, Courtney esamina i reperti raccolti dal quartier generale della JSA: gli occhiali del dottor Mid-Nite, la clessidra di Hourman, il cappuccio di Wildcat, la “penna” di Johnny Thunder e la lanterna verde. Pur mantenendo segreta la bravata, la ragazza ribadisce a Pat che vuole iniziare a reclutare dei nuovi eroi, ma lui rimane contrario nel trascinare qualcun altro in questa vicenda. La priorità di Pat è trovare i cattivi prima che li trovino loro e possano fargli del male. Lostesso giorno, Courtney si scontra con Cindy, che continua la sua opera di bullismo nei confronti di Yolanda. La futura Wildcat, tuttavia, respinge nuovamente l’amicizia di Courtney, insistendo sul fatto che vuole essere lasciata sola.

Courtney insiste, e vede Yolanda nella palestra della scuola che fa pugilato, e prova un approccio diverso, fino ad arrivare a dirle: “Non sei tu che ho bisogno del mio aiuto, sono io che ho bisogno del tuo aiuto“, invitando Yolanda a casa sua per cena, dicendole che le spiegherà tutto. Purtroppo Yolanda non ottiene il permesso di andare dalla sua famiglia, restando così a casa. Il giorno successivo, Courtney confida a Yolanda che ha fatto esplodere la macchina del fantino, conquistando la fiducia di Yolanda, che racconta quanto le è accaduto e tutte le problematiche successive.

Stargirl si mostra a Yolanda e condivide con lei la possibilità di essere la figlia di Starman. Yolanda prova il larghissimo costume di Wildcat, ma quando mette su il cappuccio l’intero abito si trasforma magicamente in una tuta elegante e aderente che si adatta al suo nuovo ospite. Cominciano così le prime prove tecniche, fatte di salti incredibili e rotture di tostapane grazie ai nuovi artigli. Le due decidono poi di andare da Brainwave in ospedale e di dare una sbirciatina al diario dei visitatori per scoprire se può esserci qualche connessione con altri membri dell’Injustice Society.

Yolanda trova Henry sul posto, e quasi si fa scoprire nel tentare di colpirlo, fermata però dalle parole dolci del ragazzo nei confronti del padre. Dopo che Henry se ne va, Wildcat si nasconde in un angolo mentre Courtney appare fuori dalla finestra. A questo punto arriva la preside Bowin che inizia a suonare il violino per il paziente. Le ragazze poi fuggono dall’ospedale, con il dubbio che anche la loro preside sia un cattivo, il tutto senza aver notato che Beth le aveva appena viste.

Una volta tornate a casa di Courtney, Yolanda le dice che non pensa che dovrebbe essere lei Wildcat, e che deve prima tornare a rivivere la sua vita prima di un’avventura del genere. Yolanda torna quindi a casa e fa un’appassionata richiesta alla sua famiglia per permetterle di andare avanti con la sua vita e di perdonarla, ma la madre le dice una cosa durissima: “Non tornerai mai come prima. Hai disonorato la tua famiglia e te stessa!” invitandola a tornare nella sua stanza. Yolanda li trova sul davanzale della finestra il costume di Wildcat con un biglietto di Courtney: “Non posso farlo da sola!” Pochi istanti dopo, Yolanda è fuori dalla finestra di Courtney con indosso il suo costume.

IL MALE NASCOSTO

Oltre alla trama principale anche altre questioni sono state portate avanti in questo episodio. All’interno del bunker dell’Injustice Society, il dott. Ito (aka Dragon King) ha ammesso a Jordan / Icicle di non aver mai compreso del tutto il bisogno di una “squadra”, anche se ora crede nella loro più di tutti gli altri. Inoltre, Dragon King sottolinea che non lo tradirà mai come fatto da The Shade. Il dottor Ito riferisce che ha lavorato su su figlia, mentre Jordan esprime interesse ad aiutare il suo collega a completare la macchina su cui ha lavorato. Il Dr. Ito apprezza l’offerta, facendo eco al proprio sostegno al Progetto Nuova America, attraverso il quale “il sacrificio supremo di una generazione proteggerà il prossimo“. Alla fine l’uomo in costume chiede se può avere il corpo di The Wizard deceduto, ricevendo la risposta affermativa di Jordan.

Anche se con poco spazio, prosegue anche la trama che coinvolge Pat. Denise, la vedova di William Zarick / The Wizard, si presenta alla carrozzeria di Pat, chiaramente sconvolta dalla morte di suo figlio e suo marito. Successivamente dice a Pat che sta per lasciare definitivamente Blue Valley, avvertendolo di non fidarsi della città, e confessando che il marito non ha avuto un infarto. La donna prima di andare racconta che Joey voleva essere proprio come suo padre, mostrando gli strumenti e il cappello da mago, cosa che confonde Pat, che sapeva che William era un semplice consigliere. Al termine della puntata vediamo Pat che ricerca dei pezzi nella solita discarica, ma scopre sconvolto la macchina incidentata di Denise, svuotata di tutti gli effetti personali tranne il cappello da mago di Joey.

CONSIDERAZIONI

Della parte riguardante il problema sociale di Yolanda ve ne ho parlato durante il riepilogo della puntata, ma in queste considerazioni posso aggiungere che mi è piaciuto il modo in cui il tema è stato trattato. Stargirl tratta argomenti molto attuali, inserendo la parte più fantasiosa che può dare una serie di supereroi.

Le trame sono avvincenti, e in questa puntata le gag tra Stargirl e Wildcat sono state molto divertenti. Il loro rapporto è solo agli inizi, ma sembra promettere bene. Per quanto riguarda l’Injustice Society è ancora tutto molto oscuro. Il piano è tenuto nascosto, tanto che il dialogo tra Dragon King e Icicle e carico di misteri, alimentando così la curiosità degli spettatori. Il prossimo episodio si intitola “Hourman e DR. Mid-Nite“, quindi avremo doppia razione di origini? Tra qualche giorno lo scopriremo.

Qui sotto trovate le recensioni delle puntate precedenti e la sinossi di “Wildcat

STARGIRL 1×04: “WILDCAT

Dopo aver realizzato che ha bisogno di un aiuto extra, Courtney (Brec Bassinger) si propone di reclutare nuovi membri per la Justice Society of America, a partire da Yolanda (Yvette Monreal). Altrove, i sospetti di Pat (Luke Wilson) aumentano dopo una bizzarra conversazione con uno dei residenti della città.

Stargirl segue il secondo anno di liceo Courtney Whitmore mentre lei e un gruppo improbabile di giovani eroi si unirà per fermare alcuni cattivi del passato. Questo nuovo dramma unirà Stargirl e il primissimo team di supereroi, la Justice Society of America, in una serie che si preannuncia imprevedibile.

IL CAST

La serie vede come protagonisti Brec Bassinger come Courtney Whitemore, Joel McHale come Starman, Luke Wilson come Pat Dugan, Meg DeLacy come Cindy Burman, Lou Ferrigno Jr. come Rex Tyler, Brian Stapf come Ted Grant con Anjelika Washington, Neil Jackson, Hunter Sansone come Icicle Jr., Yvette Monreal come Yolanda Montez, Christopher James e Jake Austin Walker come Brainwave Jr.

Continuate a seguirci, qui su NerdPool.it, per non perdervi le prossime novità legate al mondo DC Comics.

ARGOMENTI CORRELATI

Stargirl continua la sua crescita con un altro episodio ottimo. La serie di DC Universe tocca anche temi delicati, dimostrando di poter essere anche uno show che va oltre il voler mostrare dei supereroi. Una nuova generazione di personaggi storici della DC Comics sta prendendo vita puntata dopo puntata. Per l'occasione le origini di Wildcat vengono mostrate in modo molto interessante.
Stargirl 1x04: "Wildcat"
8

Scrivi qui il tuo commento...