She-Hulk: Attorney at Law ha una connessione nascosta con l’agente Carter

She-Hulk: Attorney at Law sta portando il Marvel Cinematic Universe in una nuova direzione, con alcune connessioni esilaranti e inaspettate con il canone Marvel Comics. Ciò ha incluso una vasta gamma di riferimenti ai miti di She-Hulk. Dalla run Savage She-Hulk degli anni ’80 alle run più contemporanee dei giorni nostri. Un pezzo della tradizione di She-Hulk a cui è già stato fatto riferimento nella serie, e dovrebbe svolgere un ruolo più importante negli episodi futuri, è stato effettivamente menzionato nel MCU in precedenza. GLK&H, uno studio legale contro cui Jennifer Walters / She-Hulk (Tatiana Maslany) si scontra in tribunale nel primo episodio, è stato effettivamente citato nel secondo episodio di Agent Carter. Dan Slott, che ha scritto la serie She-Hulk in cui ha debuttato GLK&H, ha recentemente utilizzato Twitter per sottolineare la connessione.

GLK&H sta per Goodman, Lieber, Kurtzberg e Holliway e tre dei quattro nomi sono significativi per la tradizione Marvel. Goodman è un riferimento all’editore Marvel originale Martin Goodman. Lieber è un riferimento al cognome di Stan Lee, nato Lieber; e Kurtzberg è un riferimento a Jack Kirby, nato Kurtzberg. Nei fumetti, Goodman, Lieber e Kurtzberg non vengono mai mostrati, con Jen che si occupa direttamente solo di Holden Holliway.

She-Hulk: Attorney at Law segue Jennifer Walters mentre naviga nella complicata vita di un avvocato single di 30 anni che è anche un hulk verde con superpoteri di 6 piedi e 7 pollici. La serie di nove episodi accoglie una serie di veterani del MCU, tra cui Mark Ruffalo nei panni di Hulk. Tim Roth nei panni di Abomination. Charlie Cox nei panni di Daredevil e Benedict Wong nei panni di Wong.

I nuovi episodi di She-Hulk: Attorney at Law debutteranno ogni giovedì esclusivamente su Disney+.

CORRELATI