spot_imgspot_img

House Of The Dragon: Miguel Sapochnik parla della serie sui Targaryen

Miguel Sapochnik, il regista dietro ad alcuni dei migliori episodi di Game of Thrones, descrive come lavorare sulla serie prequel sia diverso... ma non troppo.

PUBBLICITÀspot_imgspot_img

HBO sta pian piano accendendo l’hype dei fan e della stampa per House of the Dragon, la serie prequel Game of Thrones. Ambientato circa 200 anni prima dello spettacolo originale, racconta la storia di una brutale guerra civile Targaryen che ha fatto a pezzi Westeros.

HBO ha ingaggiato il creatore di Colony Ryan Condal e Miguel Sapochnik, il regista di alcuni degli episodi più apprezzati di Game of Thrones come “Aspra Dimora“, “La battaglia dei bastardi” e “I venti dell’inverno“. I due comporranno la coppia di showrunner che lavorerà alla serie, un po’ come fatto da David Benioff e Dan Weiss nella serie originale.

Hai letto la nostra analisi del primo teaser trailer? Clicca qui!

Ma anche se ci saranno ovviamente delle somiglianze, House of the Dragon non sarà Game of Thrones, come ha spiegato SapochnikThe Hollywood Reporter.

Penso che siamo stati molto rispettosi di quello che è lo spettacolo originale. Non era rotto, quindi non stiamo cercando di reinventare la ruota. House of the Dragon ha un suo tono che si evolverà ed emergerà nel corso dello spettacolo. Ma prima, è molto importante rendere omaggio alla serie originale, che è stata piuttosto rivoluzionaria. Noi esistiamo grazie a quello spettacolo. Quindi la cosa più importante da fare per noi è rispettare quello spettacolo il più possibile e cercare di integrarlo piuttosto che reinventarlo. Io sono stato coinvolto nella realizzazione dello spettacolo originale, quindi sento che è stato utile. Tipo, non arrivo dicendo: “Cambiamo tutto! Facciamo una tavolozza di colori diversa! No, mi piace molto la tavolozza dei colori”.

Ha poi aggiunto:

Detto questo, non possiamo dire, “Beh, quando abbiamo fatto Game of Thrones , lo abbiamo fatto in questo modo…”. Se ogni frase inizia così, allora abbiamo già perso. Questo è qualcos’altro, e dovrebbe essere qualcos’altro. È un equipaggio diverso, persone diverse, tono diverso. Speriamo che venga visto come qualcos’altro. Ma dovrà guadagnarselo, non accadrà dall’oggi al domani. Spero che i fan lo apprezzeranno per quello che è. Saremo fortunati se mai ci avvicineremo a quello che era lo spettacolo originale, quindi stiamo solo abbassando la testa e andando avanti e sperando che ciò che inventiamo sia degno di avere un titolo di Game of Thrones .

Ritardi permettendo House of the Dragon (tutte le info nella nostra scheda) sarà presentato in anteprima su HBO e HBO Max nel corso del 2022.

Il cast di House of the Dragon include anche Matt Smith (Daemon Targaryen), Paddy Considine (Viserys), Emma D’Arcy (Rhaenyra Targaryen), Sonoya Mizuno (Mysaria), Rhys Ifans (Otto Hightower), Steve Touissant (Lord Corlys Velaryon), Fabien Frankel (Sir Criston Cole) e Eve Best (Rhaenys Velaryon).

House of the Dragon, sarà incentrata sulla famiglia Targaryen (gli antenati di Daenerys), sarà composta da 10 episodi e arriverà nel 2022! Lo show sarà ambientato circa 200 anni prima rispetto alla serie madre, e racconterà “l’inizio della fine della Casa Targaryen”, e trarrà ispirazione dal libro “Fire & Blood” di Martin.

La serie, co-creata da George R.R. Martin e da Ryan J. Condal racconterà l’inizio della fine della Casa Targaryen, e sarà tratta dal libro companion “Fire & Blood” di Martin. Miguel Sapochnik, uno dei veterani di Game of Thrones, sarà alla regia delle serie e dividerà anche il ruolo di showrunner con Condal.

NerdPool non finisce qui, anzi, questo è solo l’inizio. Entra a far parte della nostra Community Social, tramite i Gruppi Tematici!

ARGOMENTI CORRELATI

LASCIA IL TUO COMMENTO

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

spot_img
spot_img

CORRELATI

spot_img
Angelo Lupo
Nasco a Monza all'età di 0 anni meno 2 mesi. Da allora ho deciso di vivere in un mondo tutto mio (zona Gotham per l'esattezza). Adoro leggere fumetti, guardare serie tv (con picchi di 25 in un anno), giocare ai videogames, andare al cinema, passeggiare con il mio cane (Nymeria) e viaggiare con mia moglie. Ah...oltre a questo, nei tempi morti, faccio l'ingegnere informatico.

POTREBBERO INTERESSARTI: