Le 6 gemme LGBTQIA+ da guardare (Serie TV)

spot_imgspot_img

Il Pride Month è ufficialmente iniziato! Come ogni giugno, anche quest’anno il mese del Pride rappresenta l’occasione per garantire visibilità alla comunità queer e per sostenere la lotta per i diritti LGBTQIA+. Non sai cosa guardare per celebrare questa ricorrenza internazionale? In questo articolo della nostra rubrica “Le sei gemme“, ti consigliamo alcune serie TV davvero imperdibili per festeggiare il Pride Month.

Negli ultimi anni, la rappresentanza dell’universo queer nelle serie TV e nei film si è fatta sempre più importante e consistente: variando dai teen drama al genere drammatico, fino a quello supereroistico, molti protagonisti appartenenti alla comunità LGBTQIA+ sono stati introdotti sul piccolo schermo. Dopo decenni di cinema in cui i personaggi non eterosessuali e non cisgender sono scarseggiati, o sono apparsi in ruoli marginali, talvolta stereotipati, finalmente giungiamo in un’epoca nella quale anche l’arte – almeno in apparenza – vuole essere inclusiva. L’importanza della rappresentanza è un discorso facilmente estendibile al mondo delle serie TV, nelle quali gli spettatori desiderano fondamentalmente riconoscersi e trovare stimoli per non temere di essere sé stessi. Oggi la categoria queer è diventata un vero e proprio sottogenere tematico, che possiamo trovare sulle piattaforme streaming o nelle videoteche. Ecco 6 titoli di serie TV a tema queer che – spaziando dall’ironia, alla denuncia sociale, all’emotività – tingeranno il vostro giugno di mille colori!

Batwoman

Batwoman è una serie TV basata sui fumetti della DC Comics, andata in onda dal 2019 al 2022 su The CW. Tre anni dopo la misteriosa scomparsa di Batman, la criminalità dilaga a Gotham e i cittadini incominciano a perdere le speranze. Ma la temeraria cugina del Cavaliere Oscuro, Kate Kane (Ruby Rose), è pronta a tornare in città per fare la differenza, dopo cinque anni di addestramento in giro per il mondo. Con l’aiuto del genio informatico Luke Fox (Camrus Johnson), intraprende la sua missione indossando la maschera di Batwoman. Oltre a dover affrontare la pericolosissima Gang delle Meraviglie guidata dalla folle villain Alice (Rachel Skarsten), la protagonista si trova presto a fare i conti con il suo passato. In particolare, ciò accade quando incrocia Sophie Moore (Meagan Tandy), brillante agente dell’agenzia di sicurezza privata diretta dal padre di Kate.

Più di cinque anni fa, ai tempi dell’accademia militare di Rock Point, le due protagoniste hanno intrapreso una relazione, nonostante il codice militare vieti la “condotta omosessuale”. A poche settimane dal diploma, però, la loro storia viene scoperta, mettendole a rischio di espulsione. Con il suo carattere appassionato e sensibile alle ingiustizie, Kate rifiuta di rinnegare la sua relazione con Sophie, per poi lasciarsi alle spalle l’accademia sgommando sulla sua moto. Al contrario, Sophie preferisce negare il loro amore pur di rimanere a Point Rock, spezzando così il cuore di Kate. Quando si ritrovano dopo cinque anni a Gotham, Sophie è sposata con un agente con il quale lavora. Tenta di proteggersi con questo matrimonio di copertura da una una verità che fatica ad accettare. Dal canto suo, Kate prova ancora dei sentimenti per lei: ciò la porta ad interrogarsi sulla necessità di essere onesti circa la propria identità. Chiaramente, non può svelare al mondo di essere Batwoman per proteggere la sua famiglia, ma vuole diventare un simbolo di speranza e trasparenza per la città che ha giurato di proteggere. Così, attraverso un’intervista esclusiva su un giornale, Batwoman rivela pubblicamente di essere omosessuale, creando un nuovo modello di supereroina.

Nel raccontare la storia di Kate Kane, la showrunner Caroline Dries riprende il ruolo chiave ricoperto da Batwoman nella storia dei fumetti DC. Dopo il lancio del personaggio negli anni ’50, Batwoman è tornata in campo nel 2006, con l’identità di Kate Kane, una dei primi supereroi apertamente omosessuali. Dopo l’addio di Ruby Rose dopo la prima stagione della serie, per le restanti due Kate ha lasciato il testimone ad una nuova protagonista, Ryan Wilder (Javicia Leslie), a sua volta membro della comunità queer.

DA NON PERDERE
spot_imgspot_img

POTREBBERO INTERESSARTI:

Dopo Oliver: la recensione del nuovo film di Dan Levy su Netflix

Dal 5 gennaio, è disponibile su Netflix il nuovo...

Nuovo Olimpo: ci sono scene post credits?

Ferzan Ozpetek si prepara a sbarcare su Netflix con...

I migliori film di Ferzan Özpetek – Le 6 gemme

Tra poche settimane, uscirà su Netflix il nuovo attesissimo...

Heartstropper 3: Alice Oseman prevede differenze con le graphic novel

La terza stagione di Heartstopper potrebbe essere un po'...

Heartstropper 2: la recensione della seconda stagione del seguitissimo teen drama

Dal 3 agosto la seconda stagione di Heartstropper è...

Heartstopper 2: teaser trailer e data di uscita

Oggi, sabato 1 Luglio il cast della serie Heartstopper...

Domani, l’arcobaleno – Recensione in anteprima

Un volume unico che celebra l'essere se stessi e...

I want to be the wall 1 – Recensione

Il matrimonio è difficile, sopratutto se a sposarsi sono...
Correlati

Le 6 gemme LGBTQIA+ da leggere (Fumetti)

Giugno è il mese del Pride Month, momento in...

The Flash 9×10: la sinossi di “A New World, Parte Uno”

The CW ha pubblicato la sinossi ufficiale di "A...

The Flash 9: chi è Red Death?

La nona e ultima stagione di The Flash ha...

The Flash 9×02: le foto di “Hear No Evil”

The Flash ritorna in onda per la sua nona...

Commenta la notizia!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui